Milano Fashion Week 2012/2013: Blugirl

In quel di Milano sfila la collezione per l’inverno 2012/2013 di Blugirl. La marca stilistica del marchio è bon-ton: ai blocchi di partenza la maison punta sul binomio cromatico blue-rosso declinato su abiti quasi scolareschi, dalla fantasia a quadroni tipicamente invernale, gonne a ruota o a portafoglio in morbida lana. Passano il testimone a dei candy-outfit  che illuminano la passerrella con i colori pastello del verde acquamarina, del blu cielo e del rosa. Gonne dalla vita alta e mini dress con stampe di motorette stile  “Vacanze Romane” e colletto romantico, si riscaldano con mini e maxi fur. Per la sera il look è total nella variante black or white. Gli abiti sempre dalle lunghezze corte, sono in lana impreziositi da paillettes, perle e volant o in silver coccodrillato. Ma la vera chicca sono i boots o per medlio dire gli yeti boots? In ogni caso sono stupendi. Infine i black -look che chiudono la sfilata racchiudono tutte le tendenze delle ultime stagioni: frange, pizzo, trasparenze e ancora paillettes.

Che dire? Non mi ha esaltata, fatta eccezione per gli outfit total white, quelli si che passano quasi tutti a pieni voti. Per il resto non ho trovato grande estro, anzi la collezione ha mantenuto la linea stilistica cara al marchio, ma di evoluzioni non ne ho viste. I colori pastello d’inverno smorzano decisamente il grigiore stagionale per cui anche quelli sono promossi. Vogliamo parlare degli outfit in chiusura sfilata? Poco riconoscibili e  per niente incisivi, non è ben chiaro se sono romantici o cosa, fatta eccezione per i tre long dress, che meritano un Very Good!

Le dolls di Blugirl

Non manca davvero niente nella nuova collezione di BLUGIRL,la linea giovane di Anna Molinari.Le dolls di Blugirl sono spigliate,ironiche,disinvolte insomma giovani,in perfetta linea con lo spirito del marchio.La collezione per la stagione calda ha riscosso successo già nel frontrow subissando molti altri nomi importanti.C’è ne davvero per tutti i gusti,lady Bon-Ton,Vintange girl,Sfrontata anni ’80,Mood Caprese e quant’altro.Accostamenti improbabili,ma perfettamente riusciti, short skirt in taffettas maculato declinato su T-shirt alla marinara.Ampie tute in chiffon che ricordano i fondali dei mari più cristallini,nella variante in seta con white t-shirt sullo sfondo,per smorzare l’effetto serius. Nostalgica e sognante l’uscita dei tailleur con maniche a ballon e gonne ampie e degli short dress a balze,un salto tra gli anni 50 e 60.Le ultime uscite della sfilata sono dedicate agli abiti ispirati al fiore del papavero.Abiti interamente ricoperti di petali,finti si intende,di un rosso sgargiante dalla quale ci si lascia abbagliare piacevolmente.Le nuance scelte sono il fucsia,il cipria,l’arancio,il rosso,il turchese,il bluettone,il verde e il bianco.Tra gli accessori spiccano i frontini in vernice,le cinte in vinile,le bandane e le bag.Bauletti in colori tenui per il giorno,e poscette irriverenti,dai colori strong per la sera.